Pianificazione strategica

Investire bene

by wp_6966150

Pianificazione strategica

Investire bene

by

by

Investire bene per un’impresa sana significa disporre di un portafoglio di iniziative sufficientemente ampio, all’interno del quale scegliere le opportunità più promettenti, con metodo e tempestività.

L’ampiezza del portafoglio di opportunità è generalmente indice dello stato di salute dell’impresa. Un impresa in condizioni di salute meno buone deve adoperarsi affinché possa riprendere a generare e vagliare opportunità.

Sembra impossibile ma molte organizzazioni ritengono di potere investire bene basandosi su intuizioni e raccomandazioni qualificate, senza verificare con metodo la fattibilità tecnica, commerciale ed economica di un progetto, e senza valutarne i rischi.

Questa prassi è giustificata soltanto se un eventuale fallimento del progetto non è in grado di mettere a rischio il raggiungimento degli obiettivi dell’impresa, ovvero se l’esposizione massima prodotta dall’iniziativa è di gran lunga inferiore alle riserve accumulate dall’impresa.

Tempo fa in una zona di pregio a Milano, nell’epoca dello sviluppo della fotografia digitale,  aveva aperto un negozio dedicato allo sviluppo e stampa di pellicole fotografiche monomarca: un’iniziativa singolare, frutto di qualche intuizione fantasiosa. In quanto tempo ha chiuso questo negozio?

Calcoliamolo insieme: fido massimo = (investimento iniziale) + (costi operativi mensili) x (nr. mesi di vita) ==> nr. mesi di vita = [(fido massimo) – (investimento iniziale ) ]/ (costi operativi mensili)

Spesso è possibile rivelare la scarsa redditività di un progetto, anche complesso, attraverso una semplice analisi di ordine di grandezza delle variabili in gioco. I progetti che meritano un approfondimento e che hanno buone probabilità di riuscita generalmente superano questo semplice esame.

Investire bene significa conoscere tutto dell’iniziativa individuata, valutando e tenendo sotto controllo il controllo tutti i rischi nelle fasi di sviluppo e di esecuzione.

Se l’iniziativa è un nuovo sviluppo commerciale o industriale, conoscere tutto significa disporre di dati oggettivi e quantitativi su tecnologie, mercato, concorrenti, canali distributivi, aspetti logistici e normativi, con un’analisi delle tendenze più probabili nell’arco temporale che coincide con i tempi di ritorno dell’investimento.

Tenere sotto controllo i rischi significa innanzitutto individuarli, identificando le variabili relative a tempi, aspetti tecnici e di mercato che sono in grado, al loro variare, di modificare i risultati economici dell’iniziativa. Una volta determinati i possibili scostamenti, è necessario eseguire un’analisi quantitativa dei rischi, valutando la probabilità che il progetto ha di non produrre i risultati economici minimi prefissati.

 

Top