Per individuare le giuste opzioni

Studio di fattibilità

Per individuare le giuste opzioni

Studio di fattibilità

by wp_6966150
Uno studio di fattibilità consente di selezionare un ventaglio di opportunità di sviluppo, identificando quelle caratterizzate da una redditività maggiore ed un profilo di rischio contenuto.

Che cos’è uno studio di fattibilità

Uno studio di fattibilità definisce una nuova iniziativa, delineandone il piano di esecuzione e stimando le risorse necessarie. Lo studio mette in luce i punti di forza e di debolezza del progetto, identificando le opportunità ed i rischi, e definendone – in ultima analisi – la probabilità di successo.

Generalmente lo studio di fattibilità analizza opzioni di sviluppo alternative, così da selezionarne quella che con maggiore probabilità può raggiungere gli obiettivi oggettivi e soggettivi definiti dal Promotore.

Come selezionare i progetti

Il progetto deve poter battere la concorrenza di iniziative alternative che potrebbero impiegare risorse organizzative e finanziarie con un migliore rendimento.

I parametri più frequentemente usati dalla comunità finanziaria per confrontare investimenti alternativi sono:

  • Tasso interno di rendimento (IRR)
  • Valore attuale netto del progetto (NPV)
  • Ritorno dell’investimento (ROI)
  • Tempo di ripago (pay-back period)

Il nostro approccio agli studi di fattibilità è di andare rapidamente al nocciolo del problema, operando una selezione a vantaggio del Promotore. Solo successivamente affiniamo le valutazioni.

Come strutturare lo studio di fattibilità

Non esiste una definizione standard di per uno studio di fattibilità completo o preliminare (pre-fattibilità). Pertanto gli studi possono essere strutturati in modo diverso e con vari gradi di dettaglio, in relazione alle caratteristiche di ogni progetto ed allo stadio di sviluppo.

Lo studio di fattibilità deve essere conciso nella parte descrittiva e strategica, e accurato nelle analisi di dettaglio a corredo dello studio.

Lo studio identifica le opzioni che hanno profili di rischio moderato ed una redditività superiore ad impieghi alternativi di capitale e di risorse organizzative.

Lo studio di fattibilità per Project Finance

Lo studio di fattibilità è lo strumento indispensabile per accedere alla finanza di progetto per lavori di pubblica utilità, in ossequio all’art. 183 del codice degli appalti (D. Lgs. 18 aprile 2016 n. 50). I contenuti dello studio di fattibilità sono precisati dall’art. 14 del codice medesimo.

 

studio di fattibilità

Qual’è il nostro approccio?

Possiamo assistervi nella preparazione di uno studio di fattibilità in molti segmenti dei settori industriali di cui ci occupiamo: energia, ambiente, industria, infrastrutture, manufacturing e servizi.

Spesso facciamo riferimento ad un progetto concettuale sviluppato dal cliente o da terzi, completandone la definizione attraverso l’approfondimento di determinati aspetti quali:

  • analisi di mercato
  • processo e aspetti tecnologici
  • piano di esecuzione
  • attività operative
  • inquadramento normativo
  • programma temporale
  • pianificazione finanziaria.

Forniamo assistenza anche nella fase di sviluppo successiva alla fase di screening, curando i seguenti aspetti:

  • Studio di impatto ambientale (SIA)
  • Autorizzazioni
  • Finanza strutturata
  • Piano di esecuzione
  • Predisposizione di gare
  • Project Management
  • Project Control

Il progetto è descritto da un modello strutturato con il sistema esperto Prima3, che consente di analizzare i costi EPC/O&M e di eseguire un’analisi quantitativa dei rischi con il metodo Monte Carlo.

Il modello descrive il progetto nel dettaglio, identificando i parametri operativi e commerciali più significativi, sui quali operare un’analisi di sensitività.

Il metodo Monte Carlo è una tecnica di analisi statistica computerizzata che consente di valutare il rischio a vantaggio di un processo decisionale.

Questa tecnica è usata in molti settori:

  • Finanza
  • Assicurazioni
  • Energia
  • Petrolio e gas
  • Manufacturing
  • Ingegneria
  • R&D
  • Project Management
  • Trasporti
  • Ambiente

Il metodo definisce una distribuzione probabilistica per ciascun parametro del modello che è caratterizzato da un’intrinseca aleatorietà. Il calcolo viene eseguito in migliaia di iterazioni, per ciascuna delle quali i parametri sono fatti variare con dati casuali all’interno della funzione probabilistica.

Il metodo Monte Carlo può essere usato per stimare la probabilità che il progetto ripaghi il debito o che assicuri una redditività minima agli azionisti.

L’analisi SWOT è una tecnica usata per identificare e stimare i punti di forza (Strenghts), debolezza (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) ed i rischi (Threats) di un determinato progetto.

Identificare i punti di debolezza ed i rischi è di fondamentale importanza, così da consentire di definire misure correttive idonee per minimizzarli.

Identificare i punti di forza e le opportunità è altrettano importante, perché essi traducono le ragioni per le quali il progetto dovrebbe essere perseguito con il necessario slancio.

Benchmarking significa confronto con realtà simili. E’ un esercizio fondamentale per:

  • apprendere dall’esperienza di altri operatori
  • comprendere i fattori critici di successo di un’iniziativa.

Questo esercizio consente di evitare trappole e di identificare gli aspetti critici che debbono essere gestiti dal Project Manager.

Top